Francia in moto: alla scoperta del sud

Con l’arrivo della bella stagione, unitamente all’allungarsi delle giornate, la tentazione di intraprendere un viaggio in moto sale alla ribalta. Certo, non è ancora tempo di ferie estive, ma nel caso riusciste a ritagliarvi una settimana di riposo, potreste pensare di lanciarvi alla scoperta della Francia del sud.

Facile da raggiungere – per chi proviene dall’Italia ovviamente – promette di regalarvi sensazioni indimenticabili anche a livello visivo: le tinte delle Provenza nel periodo primaverile valgono, da sole, la pena di partire.

Per quanto viaggiare in moto costituisca di per sè una fonte di attrazione irresistibile, è comunque consigliabile stipulare un’assicurazione di viaggio valida per l’Europa. Gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo, e a fronte di una piccola spesa ci si può tutelare in modo adeguato ed assaporare al meglio ogni chilometro percorso. Come accennato in precedenza le località che andremo a illustrarvi in questa piccola guida riguarderanno il sud della Francia.
Francia1
Patria della lingua d’oc, ha ispirato per secoli poeti, filosofi o semplici sognatori, mantenendo nel tempo un fascino indiscutibile. Dimenticate per qualche giorno i servizi delle metropoli e la frenesia cittadina, lasciandovi coccolare dai colori della campagna, dalla magia dei piccoli borghi medievali o dalle viste mozzafiato della Costa Azzurra. Le città più popolose del sud della Francia sono Marsiglia e Lione, che in tanti sogliono paragonare rispettivamente alle italiane Napoli e Milano. Effettivamente il folklore marsigliese ricorda l’atmosfera partenopea, così come Lyon potrebbe essere facilmente associata al capoluogo lombardo, ma se provenite già da una grande città il consiglio è quello di puntare su altre destinazioni. Una su tutte: Avignone. Antica sede papale, con la città vecchia racchiusa da mura imponenti e stradine medievali incantevoli, è una vera perla della Francia meridionale.

Ovviamente se si considera un percorso ideale per i centauri, percorrere le strade tortuose della costa Azzurra è certamente l’itinerario ideale, ma tutto sommato le deviazioni necessarie a visitare Avignone non compromettono affatto il percorso. Procedendo fino a Marsiglia è possibile imboccare delle piacevoli strade provinciali – evitando così il tratto autostradale – e fare tappa ad Aix En- Provence, una graziosa cittadina che merita di esser visitata.
Francia2
Attraversando il cuore della Provenza, sulla famosa ‘Route d’Avignon‘, avvolta dal delicato colore della lavanda, si giunge in breve tempo ad Avignone. Il consiglio è quello di spendere almeno una notte in questo incantevole borgo, prima di percorrere la ‘Route d’Arles’ e visitare l’omonima città. Accanto ad essa sorge il Parco naturale della regione Camargue, racchiuso dal fiume Rhone e dal suo affluente Gard. Da questo punto in poi si aprono due opzioni, a seconda del tempo che avete a disposizione: la prima è quella di raggiungere Montpellier per poi fare marcia indietro ed incontrare sulla vostra strada Toulon, Hyères, Canne e Nice.
Francia3
La seconda invece vi porterà a scoprire la zona dei Pirenei Francesi, proseguendo in direzione di Perpignan per poi deviare verso Toulouse e terminare il viaggio sulle coste dell’oceano Atlantico. A voi la scelta!

Autore: Francesco Valente, e-writer freelance, esperto in Progettazione Web e Seo

Articolo casuale

Lavoro: giovani all'estero, ecco il rapporto ISTAT

Lavoro: giovani all'estero, ecco il rapporto ISTAT

Su molti siti di notizie sul lavoro è stato pubblicato proprio in questi giorni il rapporto ISTAT s ...

Articolo casuale

L'incosciente

L'incosciente

L'incosciente è un blog che vuole trattare principalmente temi d'attualità. Quel che l'autore inte ...

Lasciaci un commento

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.