Gli italiani le tasse le meritano: preferiscono crepare pur di non cambiare..

Articolo scritto dall’Avv. Alfonso Maria Marra, noto per la sua lotta al Signoraggio Bancario, pubblicato dal sito Signoraggio.it, che qui vi riporto:

signoraggio-avv-marraLetta sarà pure un criminale bilderberghino che agisce su mandato delle banche, ma è incredibile che, in relazione alla legge di stabilità così come in qualunque altra occasione, non si alzi nessuno – nemmeno uno – dai banchi di un qualunque partito a dire che per trovare tutti i soldi che si vogliono ci vuole semplicemente una legge che vieti l’anatocismo, le commissioni di massimo scoperto, l’accredito differito dei versamenti, i tassi passivi ultralegali e tassi attivi sub legali: una legge che causerebbe lo spostamento di sei settecento miliardi di euro l’anno dalle tasche delle banche a quelle dei cittadini.

Ora, è vero che questo significa che tutti i partiti sono in realtà al servizio delle banche, così come tutta l’informazione, i sindacati eccetera, ma come mai queste cose non le dicono nemmeno i cittadini in internet?

La risposa non può più essere che non lo sanno, perché signoraggio.it e il PAS lo hanno detto in tutti i modi,  e milioni di italiani lo hanno letto o ascoltato dai video, la risposta è che la gente non vuole cambiare, che preferisce crepare che cambiare.

Gente tra cui ci sono 300.000 avvocati, 10.000 magistrati e non so quanti milioni tra laureati, diplomati, giornalisti, politici, sindacalisti e insomma persone che quando piace a loro capiscono e sanno tutto.

Il malessere odierno non è un fenomeno economico, ma un fenomeno psichiatrico di massa.

24.12.13

Alfonso Luigi Marra

Commenta via Facebook

Articolo casuale

Rai, via libera di Renzi al canone nella bolletta dell'elettricità

Rai, via libera di Renzi al canone nella bolletta dell'elettricità

Milano, 14 nov. (LaPresse) - La riforma del canone Rai ha ottenuto l'approvazione di Matteo Renzi. ...

Articolo casuale

Pubblicare foto di bambini nel web, ecco cosa si rischia

Pubblicare foto di bambini nel web, ecco cosa si rischia

FOTOGRAFARE SEMPLICEMENTE UN MINORE E PUBBLICARE LA SUA FOTO SU INTERNET O FACEBOOK, CONSEGUENZE: ...

Lasciaci un commento

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.