Mihail, 11 anni, più intelligente di Einstein

mihail-genio-einsteinHa festeggiato con mamma e papa il certificato che attesta il suo stupefacente quoziente intellettivo: 162. Un risultato che lo piazza tra  quell’ 1% di persone più intelligenti del mondo intero e lo fa entrare, di diritto, nel Mensa, l’associazione internazionale a cui ha accesso solo il 2% della popolazione mondiale che ha lo scopo di  scoprire e incoraggiare l’intelligenza umana a beneficio dell’umanità, favorire contatti sociali fra persone intelligenti, effettuare ricerche sulla natura, le caratteristiche e gli usi dell’intelligenza. Non male per un ragazzino di appena 11 anni.

Mihail Iulian Barascu, di origini rumene ma residente a Dover (Inghilterra), infatti, alla sua giovane età può già vantare un QI più elevato di Einstein e Stephen Hawking. Ma come vive, nella quotidianità, un super cervellone?

“Sono un po’ pigro – dice di se stesso – quando sono in casa non faccio niente di particolare, sto un po’ al computer..a volte mi annoio. Perciò ho iniziato a scrivere un romanzo – prosegue – Non che non mi piaccia la realtà, ma a volte può essere un po’ noiosa”

“In casa spesso monopolizza le conversazioni – spiega il papà Gheorghe, che si è trasferito in Gran Bretagna con la sua famiglia dalla Romania nel 2009 –; se lo metti a fare qualcosa, qualsiasi cosa, finisce in pochissimo tempo: la sua principale abilità è sempre stata quella di arrivare alle soluzioni in maniera più logica e veloce di come faremmo tutti noi. Quando qualcuno gli parla spesso è impaziente, corregge e se gli fai una domanda nel giro di pochi secondi ti da una risposta utilizzando almeno 500 parole e se lo interrompi – aggiunge – è capace di riprendere la conversazione dal punto esatto in cui l’ha lasciata”.

“A due anni – ricorda la madre Gabriela, 40 anni, dentista – era capace di terminare tutte le canzoni che canticchiavo di solito, ma quello che stupisce di più in lui non è nemmeno tutto questo..è la sua fantastica, sconfinata immaginazione!”

La mente del piccolo Mihail non si ferma mai: in meno di due ore è capace di spiegare dettagliatamente la sua teoria sulla formazione dell’universo, sulla quale è in totale disaccordo con il suo “rivale” Hawking, e sul perché la gallina sia nata prima dell’uovo. Questo piccolo genio, che sogna di diventare architetto e aspetta con ansia il giorno in cui i suoi genitori lo porteranno a visitare Versailles, pensa che la sua città adottiva sia “troppo grigia, avrebbe bisogno di un po’ più di divertimento”, ma che i suoi amici “sono ok”; dopo la scuola non lo troverete curvo su libroni o impegnato in qualche esperimento, ma a divertirsi giocando a basket o alla scuola di recitazione. Ammette di andare matto per i guinness dei primati, soprattutto per “quest uomo che riesce ad attaccarsi 600 spille sulla faccia. Mi piace. Mi piace vedere fin dove può arrivare il corpo umano, fino a quali estremi possono arrivare le cose”.

 Fonte: you-ng.it – Leggi anche: 13enne effettua fusione nucleare

Articolo casuale

Eri un bambino negli anni '80 o prima ancora? E come sei sopravvissuto?

Eri un bambino negli anni '80 o prima ancora? E come sei sopravvissuto?

Il boom tecnologico degli anni '90 ha "stravolto" sicuramente il modo di vivere l'infanzia. Essere b ...

Articolo casuale

Renzi ridicolizzato in rete, dopo l'incontro con Berlusconi

Renzi ridicolizzato in rete, dopo l'incontro con Berlusconi

Un post pubblicato da Matteo Renzi poche ore fa ha suscitato subito migliaia di reazioni negative tr ...

Lasciaci un commento

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.