Negli Usa torna il carcere per i debitori

carcere-ai-debitoriLo ha reso noto il sito Wallstreetitalia.com secondo cui gli Stati Uniti stanno creando delle prigioni ad hoc per i debitori. Una misura che era sopravvissuta solo in alcuni stati americani e in Grecia. Negli Usa, quindi, rischieranno il carcere tutti coloro che non saranno in grado di pagare tasse e spese giudiziarie fino alle semplici multe stradali.

Negli States, che già possono contare sul record del 25% della popolazione detenuta a livello mondiale, si torna a quelle prigioni che raggiunsero il picco di popolarità, oltre 150 anni fa, quando la povera gente e i titolari di aziende venivano reclusi fino a che non erano saldati i loro debiti.

Secondo il Centro Brennan per la giustizia e l’American Civil Liberties Union (ACLU) queste misure stanno rinascendo e vengono attuate in alcuni tribunali locali degli Stati Uniti. Hanno infatti scoperto che ben sette sulle undici contee prese in esame hanno creato, de facto, “prigioni dei debitori”, nonostante i chiari “divieti costituzionali e legislativi”.

Nella seconda metà del 2012, ad esempio, nella Contea di Huron, il 20% degli arresti sono seguiti a mancati pagamenti delle ammende; mentre la Corte municipale Sandusky della Contea di Erie ha incarcerato 75 persone in poco più di un mese durante l’estate del 2012. I piccoli debitori finiscono così in carcere, i banchieri invece vengono salvati dallo Stato.

di Bruno Rosso, fonte: Signoraggio.it

Commenta via Facebook

Articolo casuale

Il manoscritto dell’Infinito? Non è di Giacomo Leopardi

Il manoscritto dell’Infinito? Non è di Giacomo Leopardi

Vanni Leopardi si era mostrato subito scettico. L' "autografo" del L’Infinito scoperto e messo all ...

Articolo casuale

Trasformare la Luna in un pannello solare, il sogno del Giappone

Trasformare la Luna in un pannello solare, il sogno del Giappone

Immaginate un'autostrada costruita sull'equatore della Luna in grado di raccogliere l'energia solare ...

Lasciaci un commento

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.