Allergie respiratorie: 16% di italiani ne soffre. Come prevenirle?

allergie respiratorie

Sedici italiani su cento soffrono di allergie respiratorie.

È quanto emerge da un’indagine promossa da ASSOSALUTE (Associazione nazionale farmaci di automedicazione), che ha intervistato mille persone di età compresa tra i 18 e i 64 anni. Dall’analisi è emerso che il 16% delle persone soffre di rinite allergica ogni primavera. Inoltre, quasi il 40% degli intervistati ha dichiarato di non riuscire a dormire bene la notte, il 28,3% di avere difficoltà a concentrarsi e il 26% addirittura rinuncia a stare all’aria aperta. Ma non è possibile chiudersi in casa per tutto il periodo primaverile: osservare le seguenti regole potrebbe, invece, risultare utile per prevenire l’insorgenza delle allergie.

1. Consultare regolarmente le informazioni sui pollini presenti nell’aria della propria località di residenza.

2. Evitare di uscire all’aperto nelle ore di maggiore concentrazione pollinica o nelle fasi iniziali di un temporale.

3. Sottrarsi alle gite o alle passeggiate in campagna nel periodo di fioritura delle piante nocive.

4. Stare lontani da parchi e giardini. Quando si è all’aperto, indossare occhiali da sole e sciarpa per proteggere occhi, naso e bocca.

5. Non viaggiare in auto o in treno con i finestrini aperti.

6. Se in auto si usa il condizionatore, utilizzare un filtro antipolline.

7. Fare attenzione agli sport all’aperto e all’areazione dei locali della propria abitazione.

8. Evitare, se possibile, di andare in giro in motorino per non respirare troppo smog – l’inquinamento aggrava le infezioni respiratorie.

Leggi anche: Reazioni allergiche dovute ai detersivi: come evitarle

Fonte: ilsole24ore.com

Articolo casuale

Berlusconi diventa un casco per moto

Berlusconi diventa un casco per moto

Immaginate 10 milioni di Berlusconi in moto nelle vie di Napoli, Milano, Roma, Torino… Al momento ...

Articolo casuale

Siamo usciti dalle caverne?

Siamo usciti dalle caverne?

Nel corso dell'evoluzione l'uomo ha sviluppato una coscienza e capacità cognitive che indubbiamente ...

Lasciaci un commento

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.